Applicativo Lilarca - Maschera Arca per livelli di descrizione intermedi

 200 codice livello descrizione - Campo obbligatorio. Inserire il codice SER o UNA che identifica la posizione dell'unitÓ che si sta descrivendo come serie o unitÓ archivistica. Inserire SER anche se si tratta di una sottoserie o sottosottoserie, UNA anche se si tratta di una sottounità o una sottosottounità archivistica.

 210 livello descrizione - Campo obbligatorio. Inserire per intero "serie", "sottoserie","sottosottoserie", "unitÓ archivistica", "sottounità archivistica ecc., cioŔ il tipo esatto di unitÓ che si sta descrivendo.

 260 codice unitÓ descrizione - Campo obbligatorio. Inserire il codice univoco della serie/unitÓ archivistica che si sta descrivendo. Il codice si ricava costruendo una stringa unitaria composta dei segmenti che identificano tutti i livelli superiori fino all'unitÓ di descrizione in oggetto.



 280 codice unitÓ superiore - Campo obbligatorio. Inserire il codice univoco dell'unitÓ di livello superiore (fondo; fondo/serie, fondo/serie/sottoserie...) rispetto a quella che si sta descrivendo, in modo da consentire la visualizzazione della posizione esatta di quest'ultima.

 270 codice unitÓ inferiori - Campo riempito automaticamente dal programma "arkliv" (cfr.fondo)

 001 denominazione o titolo - Campo obbligatorio. (Cfr. ISAD 3.1.2). Inserire la denominazione della serie/unitÓ archivistica. Se esiste un titolo proprio trascriverlo esattamente, altrimenti attribuire un titolo sintetico con indicazioni relative alla tipologia e alla funzione del materiale: carte (private), documenti (pubblici, amministrativi), corrispondenza... e al soggetto produttore dell'unità di descrizione (Attenzione: esso può essere diverso dalla "provenienza" del fondo). I titoli attribuiti NON vanno tra parentesi quadre.

 007 arco cronologico - Campo obbligatorio. (Cfr. ISAD 3.2.3). Inserire gli estremi cronologici della documentazione, separati dal segno %, dalla data del documento pi¨ antico a quella del documento pi¨ recente.

 072 date predominanti. Inserire gli estremi cronologici della documentazione effettivamente presente in quantità significativa, separati da %. Eventuali lacune vanno segnalate nel campo 017-note

 009 descrizione fisica - Campo obbligatorio. (Cfr. ISAD 3.1.5). Inserire la consistenza e il tipo di materiale dell'unitÓ di descrizione. Facoltativamente si possono inserire, utilizzando la punteggiatura prevista dall'ISBD, eventuali altri dettagli fisici.

 171 ordinamento - Campo obbligatorio e a testo libero. (Cfr. ISAD 3.3.4). Inserire le seguenti informazioni: Se l'unità non Ŕ ordinata, esplicitarlo, indicando eventualmente gli interventi previsti. Inserire tra parentesi uncinate le eventuali parole chiave per la ricerca.

 172 strumenti di corredo - Campo a testo libero. (Cfr ISAD 3.4.6). Indicare, se esistono, gli strumenti di corredo (inventari , indici, sommari...). Se sono stati pubblicati, anche parzialmente, inserire la citazione bibliografica.

 173 consultabilità - Campo a testo libero. (Cfr. ISAD 3.4.2). Indicare eventuali limiti alla consultazione e le condizioni che regolano l'uso o la riproduzione dei materiali.

 170 nota storica - Campo obbligatorio e a testo libero. (Cfr. ISAD 3.2.2). Inserire un breve profilo biografico-storico del soggetto che ha prodotto la serie/unitÓ archivistica, al fine di dare a questa una collocazione storica che ne faciliti la comprensione. Inserire tra parentesi uncinate le eventuali parole chiave per la ricerca.

 300 ipertesto allegato - Inserire il percorso e il nome del file ipertestuale, che verrà aperto automaticamente se nel formato di visualizzazione usato(*.PFT) è stato inserito con apposito comando (CMD)

 017 note - Campo a testo libero. Inserire tutte le informazioni ritenute significative e che non siano pertinenti alle altre aree della descrizione. In particolare riportare qui annotazioni su: Inserire tra parentesi uncinate le eventuali parole chiave per la ricerca.

 026 accessi persone - Inserire informazioni relative a persone responsabili del riordino delle serie/unitÓ archivistiche, della produzione di inventari e altri strumenti di corredo, o responsabili intellettuali di singoli documenti (nel caso che quest'ultima informazione non venga data al livello di descrizione di unità documentarie).
 027 accessi enti - Inserire, seguendo la lista controllata degli enti e la normativa RICA:

Analisi del contenuto

 272 sommario - Campo a testo libero. (Cfr. ISAD 3.3.1). Inserire il riassunto concettuale del contenuto dell'unitÓ descritta. Se non è previsto un più approfondito livello di analisi, è possibile inserire una descrizione sommaria delle unità componenti. Nel caso di seminari o convegni la cui data di realizzazione sia presente solo nel titolo, riportare l'anno tra parentesi uncinate. Mettere tra parentesi uncinate le parole in ricerca.

 28 descrittori maggiori - Inserire i termini del Thesaururs Linguaggiodonna fino ad un massimo di dieci descrittori, in base alla rilevanza dell'argomento nella serie/unitÓ archivistica.

 29 descrittori minori - Inserire i termini del Thesaurus Linguaggiodonna fino ad un massimo di dieci descrittori in base a: N.B. Per le agenzie che inviano dati alla Rete Lilith:
1. Segnalare i termini non reperiti nel Thesaurus Linguaggiodonna e inserirli tra parentesi uncinate come: DESCRITTORI PROPOSTI

 30 identificatori luogo - Inserire, se significativo, il/i luogo/i geografici contenuti nella serie/unitÓ archivistica. Fare riferimento alla Lista controllata dei luoghi geografici del Thesaurus multilingue Eudised gestito per l'Italia dalla Biblioteca di Documentazione Pedagogica di Firenze.

 31 identificatori cronologici - Inserire, se significativo, il periodo cui fa riferimento la serie/unitÓ archivistica, tenendo conto delle seguenti regole (utilizzate anche presso la BDP di Firenze):

 32 identificatori nomi - Inserire i nomi propri delle persone citate nei documenti dell'unità di descrizione:

 322 identificatori enti - Inserire gli enti oggetto della trattazione:

 323 identificatori norme - Inserire le leggi o le normative specifiche trattate indicando il numero e l'anno; nel caso di leggi regionali aggiungere il nome della Regione (Ess. L.194/1978; DPR 63/1965; LR Toscana 33/1976; ISO 5963/1985).

 321 identificatori vari - Inserire tutti i casi non previsti dagli identificatori sopra descritti.

 34 classificazione - Campo previsto per i centri che adottano classificazioni.

 35 collocazione - Inserire la collocazione fisica della serie/unitÓ archivistica nel proprio centro.

 50 varie - Campo facoltativo relativo al giudizio soggettivo sul materiale esaminato e/o indicazioni varie. Inserire tra parentesi uncinate le eventuali parole chiave per la ricerca. Per poter fare ricerche su base locale di documenti prodotti in una regione o area geografica, ma che non necessariamente trattano di quell'area geografica, si suggerisce di utilizzare questo campo inserendo tra parentesi uncinate e in maiuscolo i primi tre caratteri della Regione (Es. <LIG>, <LOM>, <TOS>...).


Gestione archivio

 33 stato registrazione - Inserire il codice corrispondente allo stato di trattamento del materiale presso il centro. Esso pu˛ essere:

 38 responsabilitÓ inserimento - Inserire le iniziali minuscole del cognome e nome di chi ha inserito il record

 36 data inserimento - Inserire la data nel seguente ordine: Es. 980106

 558 codice invio - Inserire codice relativo alla sessione di invio alla base dati in ordine cronologico (es. I 7)

 40 revisora - Inserire le iniziali minuscole del cognome e nome di chi ha revisionato il record.

 21 codice agenzia - Inserire il codice corrispondente al Centro che ha inserito il record (Es. GED).